Lago di Fusine Notturna Friuli Venezia Giulia Inverno

Falling Star – Laghi di Fusine

Lago di Fusine Notturna Friuli Venezia Giulia

Non sono solito frequentare luoghi turistici o comunque molto noti al pubblico, ma non ero mai stato ai Laghi di Fusine.

E così si è presentata l’occasione per visitare questo posto molto rinomato, ma non potevo visitarlo di giorno come tutti i comuni mortali. Ci sono andato di notte.

Erano già scese le prime nevicate e nel parcheggio c’erano almeno 20 cm di neve. La temperatura non era superiore ai -5, me ne sono accorto perché nei tronchi che delimitavano il parcheggio si erano formati dei cristalli di ghiaccio molto grandi simili a questi. Ghiaccio

Mi dirigo con l’amico Bruno verso il lago maggiore; lui ci è stato diverse volte e così fa strada. Il sentierino è stato facile da percorrere e pure veloce.

Mi aspettavo di trovare i Laghi di Fusine ghiacciati, nel pomeriggio ne avevo visitato un altro però a 2000m e presentava una lastra di ghiaccio di otre 15 cm e così ho potuto camminarci sopra . Questa una foto dello stesso lago, schermata-2016-12-04-alle-11-06-15

e questi due video e foto di un altro lago sempre ghiacciato che ho visitato qualche giorno prima Video 1 e video 2 schermata-2016-12-04-alle-11-07-48 .

Insomma una volta arrivato al lago, anche se era buio ho subito capito che anche qui il lago era ghiacciato cosa che mi permetteva di spostarmi dalla riva e trovare un punto di ripresa proprio sopra il ghiaccio.

Questo se e solo se il ghiaccio avesse tenuto il mio peso.

Verso riva il ghiaccio era particolarmente fino e non riusciva a sostenere il peso del solo cavalletto ma non c’era acqua sotto di esso perciò ho potuto allontanarmi un po dalla riva, ed arrivare in un punto dove il ghiaccio era più spesso. Stavo cercando un punto di ripresa interessante, cerano delle rocce che sbucavano dal ghiaccio, c’erano delle lastre di ghiaccio una appoggiata all’altra ma non riuscivo a trovare una situazione che mi piacesse abbastanza. Scatto qualche foto per non tornare a casa senza foto, poi continuo con la ricerca.

Poco più avanti rispetto a dove mi ero messo per catturare qualche foto vedo questa forma a stella causata probabilmente da un sasso lanciato nel lago quando il ghiaccio era sufficientemente fino, poi l’acqua ha ghiacciato di nuovo ma con tempi e spessori diversi lasciando questa forma particolare.

Per riuscire a raggiungere la stella dovevo camminare sul ghiaccio, ma in inverno generalmente i laghi diminuiscono la quantità di acqua nel bacino. Il lago aveva già perso circa 15cm e così mi sono ritrovato a percorrere questo piccolo scivolo di ghiaccio, il problema era riuscire a risalire. Non avevo con me dei ramponi. In maniera ridicola ho fatto delle prove tenendomi al bordo del ghiaccio cercando di capire se sarei riuscito a scendere per poi risalire, la pendenza era lieve ma tremendamente scivolosa. Nessuno mi ha visto per fortuna, nemmeno Bruno che era intento a fotografare da un altro punto.

Non mi fidavo di prendere la rincorsa spingendomi verso il centro del lago perché anche aiutandomi con la torcia, non riuscivo a capire se lo spessore del ghiaccio mi avrebbe tenuto, ma aiutandomi con il treppiede, che aveva più aderenza sono riuscito a catturare questa immagine ed a risalire a riva. Ora pure io ho una foto dei Laghi di Fusine.

Le stelle in movimento mi ricordano molto le stelle cadenti,  quella nel lago è forse una di quelle?