Lago Meluzzo, Dolomiti Friulane

Icy details – Lago Meluzzo

Lago Meluzzo, Dolomiti Friulane

Deciso a fotografare qualche cima durante l’alba, parto presto e comincio a salire di notte.

E’ buio pesto, fuori dalla macchina il freddo si fa sentire per la differenza di temperatura tra l’interno dell’abitacolo e quello che vedo fuori dai finestrini.

Mi copro bene e comincio la salita, resisto poco perché mi comincio a scaldare quasi subito. Salgo sbagliando traccia perché le prime nevicate hanno coperto le indicazioni.

Nonostante qualche difficoltà e tratti non proprio comodi, arrivo dove mi ero prefissato per le foto, manca poco all’alba, ma la vista spazia a 270°. Ho la possibilità di vedere gran parte della Val Cimoliana e le cime sono facili da individuare, ormai le ho viste in diverse situazioni e posizioni che anche da qui le riesco a nominare senza difficoltà nonostante sia la prima volta in questo posto.

L’alba è molto bella, ma il sole non illumina le cime come volevo e perciò dopo essermi gustato il paesaggio ed i primi raggi del sole comincio a sentire il freddo che mi fa ricordare che devo scendere in fretta per riuscire a salire dall’altra parte della vallata prima del tramonto.

Tornando alla macchina passo vicino al Lago Meluzzo, un piccolo laghetto stagionale poco noto ai più. Una volta arrivato ho notato che era completamente ghiacciato ed il desiderio di camminarci sopra era grande. Così muovo i primi passi sulla superficie scivolosa. La superficie presenta diverse forme, e consistenza.

Le diverse forme che il ghiaccio presenta sono dovute al tempo di consolidamento. Tanto è più lungo il periodo in cui si forma il ghiaccio, tanto più trasparente.

Qui un ulteriore dettaglio:

Lago Meluzzo, Dolomiti Friulane

Avevo visto qualche lago ghiacciato o comunque formazioni di questo tipo durante le escursioni, ma mai con la forma che mi ricorda tante goccioline.